Skip to content

I personaggi

ISKÌDA

Giovane eroina in un mondo duro di guerra e magia.

Iskìda, delle Valli di Lùn, è una ragazzina alla soglia del rito di maturità, il Rito del Clan. Nata nel Clan del Cane, è stata cresciuta dallo Stregone della tribù, in quanto orfana fin dalla nascita, stregone che le ha insegnato la Via dei Brebus: la Magia degli Elementi.

Selvaggia come il Clan a cui appartiene, ma dal cuore puro, si troverà catapultata in una fitta trama di misteri. Porta i capelli lunghetti di dietro ma con le trecce davanti corte, per non aver fastidio quando corre tra i cespugli; e al collo, in un cordino di cuoio morbido, un medaglione del diametro di una nespola, anch’esso di cuoio, ma cotto col fumo, con incisa sopra la tripla spirale del Kaelion. La sua ricerca della verità, accanto al suo fedele compagno di branco Ino, la porterà a svelare l’oscuro passato di Nurak e la minaccia che ancora grava sul Popolo degli Uomini…

INO

Molosso di Lùn, discende direttamente dai leggendari Nèfili Lupo, i padri della specie dei canidi. Il grosso cane nero, dal muso sempre teso ad annusare e il manto crespo più nero della notte senza luna, non abbandona mai la sua amica a due zampe.

LIANDA

Lianda, la Strega del Clan del Cavallo, è la severa tutrice di Iskìda nel suo periodo come Figlia di Clan negli Altipiani di Jàr. È una strega dell’Aria e i suoi Brebus riescono a smuovere il vento.

Abita in una capanna di pietra al limitare del villaggio di Nusae, con un piccolo nurak dalla cui sommità fuoriesce un gigantesco salice piangente. Fuori dalla capanna sta, sempre pronto ad attenderla, il suo cavallo Vesperide.

SISINÉ

Sisiné è per Iskìda l’unico umano sopportabile di tutta Jàr. Coetanea di Iskìda, è stata sin da piccola scelta dalle Amazzoni, il corpo di guerriere scelte che protegge gli Altipiani, cosa che le permette di avere un cavallo proprio quando gli altri coetanei invece non potrebbero.

Sisiné è cicciottella, ha sempre l’arco a tracolla e sorridente cavalca leggiadra al galoppo del suo pony Isabella: sembra abbia il dono di arrivare sempre quando ce n’è bisogno!

JASME

Jasme è l’aiutante di Lianda e, come Iskìda, è stata mandata Figlia di Clan a Jàr, ma dal vicino Monte Ar. È più grande di Iskìda di una sessantina di lune, i suoi capelli e le sue vesti sono nere come la pietra del suo clan d’origine, e la sua pelle è bianca pallida.

Jasme è muta e ha un carattere imprevedibile, ma di certo non le si può negare di saper cucinare degli ottimi pranzetti. Quando si arrabbia sembra tramutarsi in una martora impazzita, tanto che Ino la chiama Ragazza-tempesta. Con sé ha sempre un pugnale di ossidiana, che utilizza per falciare le erbe e triturare le spezie.

SÀRGAN

Capo del villaggio di Ghenna e sovrano della Terra di Sàa; signore, rispettato e temuto, capace di influenzare gli altri capi villaggio tanto da diventare il vero e proprio artefice della politica di Sàa.

Con l’aiuto di Elifas, suo gran consigliere e stregone, riesce a convincere i capi a creare una milizia comune, a installare torrette di avvistamento e muoversi verso le coste.

È il suo consigliere a predire l’arrivo dal Nulla Salato dei Mercanti dalle Vele Gialle. Quando un giorno questi appaiono davvero all’orizzonte, la fama di Sàrgan diviene assoluta, e l’equilibrio di tutta Nurak si spezza. Lo zafferano delle colture di Sàa si rivela per i Mercanti una merce preziosa tanto da poter essere barattata con il metallo lucente che portano dal mare: l’Auro.

Il disomogeneo Popolo delle Pianure viene così ribattezzato dal suo capo in Clan dell’Oro Rosso.

Sàrgan porta sempre con sé una grande spada di bronzo dal pomo d’Auro intrecciato a disegnare l’emblema del Clan: un fiore di zafferano con tre petali e tre stimmi.

ELIFAS

Stregone, Gran Sacerdote di Sàa e Gran Consigliere di Sàrgan.

KAREL

Figlio di Sàrgan, erede al trono di Sàa e fratello maggiore di Alise. I due ragazzi vivono nella reggia di Ghenna come figli di un sovrano, fra tutori e lezioni di Magia, politica, matematica, musica, astronomia, e con la fede nell’opera del proprio padre.

ALISE

Figlia di Sàrgan e sorella di Karel, destinata a diventare Gran Sacerdotessa del Clan dell’Oro Rosso.

I due fratelli sono orfani di madre ma, al contrario di Iskìda, Karel e Alise ebbero modo di conoscerla perché morì quando avevano già compiuto il Rito del Nome.

TOTÈLIS

Nato nel Clan del Gatto, Maestro Totèlis è il bonario tutore di Karel e Alise, precedente Gran Consigliere di Sàrgan. Dagli occhietti scintillanti e il naso adunco, il maestro dice sempre che chi non conosce la terra in cui vive è uno stupido. Se poi a non conoscerla è il figlio di un sovrano, allora non è solo uno stupido, ma un irresponsabile.

DANDELÒE

Dandelòe è un giovane che allieta con la musica della sua lira la corte di Sàrgan. Per la sua abilità è divenuto maestro di musica di Karel e Alise.

NOSFRU

Nosfru

Il repellente ma simpaticissimo Nosfru è un vecchio amico di Dandelòe, a cui ha promesso di aiutare Karel e Alise qualsiasi cosa accada. Nosfru si presenta come “l’Eremita del Ratto” e, a giudicare dalla quantità di roditori che lo seguono e gli scorrazzano attorno, sembrerebbe proprio dica la verità.

TALESTRI

Talestri

È la Matriarca delle Amazzoni di Jàr, l’élite di guerriere protettrici degli omonimi Altipiani dimora del Clan del Cavallo. Sono molte le lune sul suo viso, ma la sua forza e abilità con l’arco rimangono ineguagliabili.

NIELLA

Niella

È la più giovane delle Amazzoni Esploratrici capitanate da Talestri, nonché l’unica che si è sempre ricordata di salutare Iskìda e Sisiné. Le sue compagne sono la pacioccona Alcibia, la selvaggia Alcippe, la seriosa Antandra, la bionda Celeno e Deianira la lentigginosa.

ERAKI

Eraki

È lo Stregone del Clan della Pietra Nera, la cui dimora è il Monte Ar. Viene detto “l’Oracolo della Pietra Nera”, perché cerca di leggere il volere degli Dei scomparsi pregando la Pietra del Mondo, un enorme menhir di ossidiana che si staglia sulla cima del monte e che è venerato dal Clan come un vero e proprio Nèfile.

NÈFILE CAVALLO

Nèfile Cavallo

I Nèfili sono le prime creature create dagli Dei come primi esemplari delle specie di Nurak, le cui forme vennero prese dalle stelle, e le cui dimensioni sono più grandi di quelle di qualsiasi animale venuto dopo. Essi sono in numero di trentadue, come i Segni Astrali, e tra loro vi è anche un minerale (l’Ossidiana) e un albero (la Quercia). Come i Giganti e al contrario degli Uomini, i Nèfili sono immuni allo scorrere del tempo, non possono morire di morte naturale e hanno il dono di parlare la lingua di tutte le creature. La maggior parte dei Clan ne venera uno come suo protettore.

SCIAXIU

Sciaxiu

Sciaxiu è il Capo del Villaggio di Flù, nelle Terre dei Fiumi. Dopo l’arrivo dei Mercanti dalle Vele Gialle e dopo aver commerciato con Sàa, ha deciso di autoproclamarsi “sovrano” delle Terre dei Fiumi e di farsi chiamare “Sciaxiu il Grande”. Le genti di Flù non sono un Clan a tutti gli effetti, e i Clan di Nurak chiamano i suoi abitanti “mangia rane”.

OXIA

Oxia

È la fattucchiera alla “corte” di Sciaxiu.

JANE (LEULA)

Jana Leula

Le Jane furono create dagli Dei come segrete guardiane del giovane Popolo degli Uomini, voluto da Nùr. Perché gli Uomini si potessero di loro fidare, gli Dei diedero alle Jane sembianze di donna. Esseri non morituri come Nèfili e Giganti, le Jane furono create come sette sorelle. Leula è colei che come dimora scelse la Corte delle Fate tra i boschi e le colline dei Balzi dei Giganti.

MOSO

Moso

Moso è un untuoso mercante che da solo viaggia per le Terre Basse, sfruttando il subbuglio in cui l’arrivo dell’Auro ha gettato le tradizionali regole del baratto e dei doni tra i Clan di Nurak.

IL PORTATORE DELLA FIAMMA

Portatore

Il Portatore della Fiamma è colui che durante le Grandi Assemblee dei Clan di Nurak viene nominato suo protettore e garante della sua sacralità di fronte ad Akasha. La Fiamma è il simbolo di luce che scaccerà il buio del dubbio dal giudizio dei Capi e degli Stregoni riuniti, ed è rappresentata da una lanterna a olio a forma di arca. Il Portatore viene scelto tra gli stregoni più saggi del Clan che invoca l’Assemblea. Per quella indetta dal Clan dell’Ariete a Lò, è stato scelto lo Stregone del villaggio vicino al Pozzo Sacro.

CLAN DELLA LEPRE

Lepre

La Lepre è il Clan che vive tra i boschi e le colline rocciose dei Balzi dei Giganti. È il Clan più schivo di tutta Nurak. Seminomadi e in costante movimento, sono pochi quelli che possono dire di aver visto le Lepri, e nessuno mai ha trovato le tracce di un loro insediamento, tanto che si dica dormano sotto terra in villaggi scavati nella pietra o tra le fronde degli alberi. Dalla lepre essi apprendono e applicano i più preziosi insegnamenti: nascondersi, scappare, sopravvivere.

JAKU

Jaku

Jaku è un giovane Battipista (scout) del Clan del Muflone, che è stato mandato come Figlio di Clan dall’altro Clan di Bàr, il bellicoso Clan del Cinghiale. Per provare il suo valore ed essere accettato dal suo Clan ospite, verrà mandato nelle Terre Brulle in una battuta solitaria per riportare indietro un sasso rosso come prova di essere giunto sino al mare a Est. Quando arriverà, si troverà davanti una sorpresa che gli cambierà la vita…

RADU

Radu

Radu è il famigerato vecchio maestro di Iskìda. Burbero e scontroso Stregone della tribù delle Zanne Luna del Clan del Cane, la adottò quando i suoi genitori la lasciarono per accorrere alla chiamata alle armi nei Giorni della Caduta. Radu ha cresciuto Iskìda come una nipote, ha officiato il suo Rito del Nome e le ha insegnato la Via dei Brebus dell’Acqua e dell’Aria.

GOJANA

Gojana

Gojana è una Gigantessa ed è nota su Nurak come “La Sposa di Nùr”, per l’amore quasi umano che provò nei suoi confronti, sentimento che, all’uccisione del Gigante da parte di Erkitos del Clan del Toro, la portò a impazzire per il dolore. Leggenda vuole che da allora si sia rifugiata solitaria in un nurak tra i monti, trasformata in una creatura crudele mangiatrice di uomini, in attesa di compiere la sua vendetta.

QUONTRA

Quontra

Quontra è il colossale Nèfile Cinghiale. Irruento e irascibile come la sua specie, è una vera e propria leggenda delle Terre Montane della Catena di Bàr. È cieco e sugli occhi ha due cicatrici che gli furono inflitte da un branco di selvaggi Goni nell’Età degli Dei, quando Kinganna, il Dio Ultimogenito, per la prima volta scatenò il caos su Nurak.

FIANNA

Fianna

Fianna è uno dei fieri Nèfili Lupo, gli antenati dei Molossi di Lùn. Come i Nèfili Cavallo e a differenza degli altri Nèfili, i Lupi sono un gruppo, tanti esemplari con un’anima in comunione. Fianna, Lupo dalla folta pelliccia bianca, da sempre protegge la tribù delle Zanne Luna e dai Giorni della Caduta tiene d’occhio la giovane Iskìda…

UAELA

Uaela

Uaela è l’inquietante Strega del Clan delle Strie, nelle nebbiose Valli di Mòhr. Con i suoi accoliti e aiutanti vive per scoprire i segreti del regno della morte e per mettersi in contatto con le anime dei trapassati.

KIROPA

Kiropa

Il losco Kiropa è l’Eremita del Pipistrello. Ultimo sopravvissuto del suo Clan, vive solitario nel buio della Grotta dei Mille Occhi, a guardia di un oscuro segreto che solo le Jane conoscono e che Jaku e Alise scopriranno a rischio della loro pelle.

EULE

Eule

La giovane e malinconica Éule è l’Eremita della Civetta. Dagli occhi e i modi gentili, la notte cammina a piedi nudi per i boschi e sembra non fare rumore. Il suo Clan fu annientato dalle Donnole di Rupi Forate e ora lei, esule, si accompagna a Ravno, il misterioso Eremita del Corvo, in cerca non di vendetta, ma di giustizia.

RAVNO

Ravno

Ravno è l’Eremita del Corvo. Stregone ultimo del suo Clan, vaga vestito di piume nere e regge un bastone di tasso con sopra una strana gemma chiamata “Gemma delle Anime”, che irradia luce quando la morte è vicina. Il suo Clan lasciò le proprie terre vicino a Mòhr dopo che scoprì gli orribili riti condotti dalle Strie: corvo e stria, i due uccelli capaci di portare nell’aldilà le anime dei morti.

NORNA

Norna

Norna è la prima delle sette Jane sorelle. Ha sempre vissuto sulle rocciose coste delle Valli di Lùn, nella Roccia del Lupo. Cieca, la vista sulle cose le fu tolta dagli Dei per donarle quella sui sogni e sul futuro.

KTONO

Ktono

Ktono fu il primo e più amato fratello di Nùr. Dopo il suo assassinio, accettò la Pace dei Clan da parte degli Uomini ma li lasciò al loro destino, guidando il Popolo dei Giganti lontano, nascosto in una dimora che nessuno conosce. Ora è il loro Capo.

KINGANNA

Kinganna

Ultimogenito tra gli Dei e portatore del Caos, nella notte della Caduta mutò il corpo di Erkitos in un gigante dalla testa di toro dopo che, sussurrando a lui nel sonno e nella pazzia, lo convinse a mangiare i cuori di Nùr e Mitras, il Nèfile Toro. La creatura immonda che si risvegliò in quei giorni è detta “il Traditore”.

NAMÈLE

Namèle

Namèle è la Bruja a Capo del brutale Clan delle Donnole di Rupi Forate. Provocante, maliziosa e malvagia, non ha mai avuto scrupoli a sacrificare i suoi servitori per raggiungere i suoi oscuri scopi. Con sé ha sempre una piccola donnola come animale famiglio.

ZIZIGÙ

Char37-Zizi2

Zizigù è uno strambo ragazzetto che si aggira per le coste di Nurak su una canoa. Ha un bastone da stregone che usa come remo e sa tutto di pesci e foche. Jaku lo incontrerà per caso e i destini dei due giovani si intrecceranno contro la sorte avversa.

ORACE

Char35-Orace2

Orace è il vecchio Capo del Clan del Toro. Da quando il suo primogenito, Erkitos, commise le atrocità nei Giorni della Caduta, si è chiuso nel lutto e nel silenzio dentro l’antico nurak di Irsa, nelle Terre di Nuur. Come tutti i guerrieri del suo Clan, porta una spada di legno, perché il bronzo fu fuso come atto di penitenza.

NÈFILE MURENA

Char36-Murena2

Kratoe-Klagga è il colossale Nèfile marino venerato dal Clan della Murena di Scogliere Burrasca.

NÈFILE BUE ROSSO

Char37-Bue rosso2

Il Nèfile più simile a Mitras il Toro, è il mastodontico Bue protettore del Clan del Bue Rosso del Monte Rù. Il suo manto è rosso fuoco perché, leggenda narra, il bue ingoiò il focolaio del fuoco primigenio.

NÈFILE MUFLONE

Char37-Muflone2

Silente e austero, è il Nèfile protettore del Clan del Muflone della Catena di Bàr.

ILEE

Char37-Ilee2

Ilee è la più “giovane” delle Jane, le sette sorelle. Ha sempre vissuto in una palafitta sulla laguna dell’Occhio di Lìs, insieme ai mansueti pescatori del Clan dell’Airone.