Skip to content

Veronica Obinu: “Vi racconto la mia Iskìda”

June 21, 2016

Veronica Obinu durante la prova trucco- ©alecani 2016

Veronica Obinu durante la prova trucco- ©alecani 2016

Giovane, bella e con tanta voglia di imparare. «Non vedo l’ora di ricominciare», aveva detto, qualche settimana fa, la diciassettenne Veronica Obinu di Scano di Montiferro facendo il conto alla rovescia per il ciak dell’ultima parte del teaser trailer di Iskìda della Terra di NurakE ora che le riprese sono state finalmente completate, la nostra Iskìda ha voluto condividere con noi le sue emozioni raccontandoci quanto è stato divertente ed emozionante, ma nello stesso tempo impegnativo, essere la protagonista del teaser trailer tratto dalla saga fantasy di Andrea Atzori.

 

Veronica, cos’è cambiato in te tra la prima sessione di riprese e la seconda?

«Quando ad agosto abbiamo dovuto interrompere le riprese a causa del maltempo, ho deciso di lavorare sodo sull’espressione visiva e adesso sento di essere maturata dal punto di vista artistico».

Che rapporto hai con il regista Anthony LaMolinara?

«È  una persona eccezionale e un vero professionista. Devo confessare, però, che all’inizio è stato difficile capirsi: io non parlavo inglese e sul set siamo stati costretti a comunicare con i gesti. Ero terrorizzata, lavorare con un Premio Oscar mi metteva in soggezione. Per non parlare poi della macchina da presa: non facevano altro che dirmi di non guardare lì. Ma Anthony ha creduto in me dal primo giorno e ha sempre cercato di aiutarmi e di mettermi a mio agio».

E ora, invece, come va con l’inglese?

«Ho studiato molto durante l’anno e continuerò a farlo: il film sarà in inglese e non posso farmi trovare impreparata se dovessero decidere di confermarmi».

Cosa si prova a dover interpretare un personaggio così importante?

«Sento una forte responsabilità nel dover interpretare Iskìda, soprattutto nei confronti dell’autore Andrea Atzori».

 Veronica Obinu sul set di Iskìda della Terra di Nurak- ©alecani 2016

Veronica Obinu sul set di Iskìda della Terra di Nurak- ©alecani 2016

Che rapporto hai con lui?

«C’è stata intesa sin dai provini. Ricordo che, guardandomi negli occhi, disse che aveva trovato la sua Iskìda».

E con la trilogia?

«Non sono mai stata un’appassionata del genere fantasy: a scuola tutti i miei compagni di classe leggevano Harry Potter, io lo odiavo. Invece, grazie a Iskìda della Terra di Nurak ho scoperto un mondo che non conoscevo. Sembrerà buffo, ma spesso, quando mi capita di rileggere qualche pagina della trilogia, penso che Andrea Atzori stia parlando di me».

Cosa vi accomuna?

«Iskìda ha un carattere forte ed è testarda proprio come me».

Cosa ti ha colpito di Iskìda?

«Penso che Iskìda, una guerriera che difende la sua Terra senza mai arrendersi, rappresenti un modello da seguire nella vita, soprattutto per noi giovani. Insegna che bisogna lottare per ottenere ciò in cui si crede e che dopo ogni caduta, l’importante è rialzarsi e continuare a correre».

Che rapporto hai con la tua Terra?

«Amo follemente la Sardegna e il mio paese d’origine. Aver girato parte del teaser trailer di Iskìda della Terra di Nurak a Scano di Montiferro, dove sono nata e cresciuta, è motivo di grande orgoglio».

 

Iskida – ©alecani 2016

Com’è stato recitare accanto a un Pastore Fonnese?

«Avevo il terrore dei cani tant’è vero che il primo giorno di riprese non volevo scendere dall’auto dopo aver visto Astula. Ma grazie all’addestratore, Alberto Chisu, sono riuscita a superare la paura».

Sul set hai avuto la possibilità di incontrare un’attrice sarda di fama internazionale…

«Caterina Murino è stata carinissima con me e i suoi consigli sono stati preziosi. Cercava di tranquillizzarmi suggerendomi di essere sempre spontanea davanti alla macchina da presa. Devo dire, però, che sul set si è creata una bella armonia e sono stati tutti davvero gentili e disponibili, a partire da Chiara Aru».

Veronica Obinu a Bosa - ©alecani 2016

Veronica Obinu a Bosa – ©alecani 2016

Cosa ti aspetti ora che il teaser trailer è stato completato?

«Spero che questa esperienza possa essere un trampolino di lancio per la mia carriera. A settembre frequenterò un corso di recitazione e di ballo, perché da grande voglio fare l’attrice e per raggiungere i propri obiettivi è necessario studiare tanto».

 

 

Riproducibile con citazione della fonte